Home Le Cucine del Popolo
PDF Stampa E-mail

Le Cucine del Popolo

La rivoluzione a tavola

Massenzatico (RE), 31 ottobre 2004

Iniziato con gli orrori delle guerre, il terzo millennio scopre, di contro, il valore primario della terra e porta al mutamento sociale, come dimostra il movimento dei movimenti planetario. La globalizzazione, indotta dalle ricerche di una scienza quasi mai etica, va messa a frutto per il nostro vantaggio, con la possibilità di individuare i prodotti dei nostri territori dalla loro nascita e delle eventuali manipolazioni, sino alla tavola di ciascuno.

L'alimentazione è stata ed è, di gran lunga, l'arma utilizzata per la schiavitù dei molti a vantaggio di pochi pochissimi, sempre più ricchi, infami e monopolizzatori. Le multinazionali obbligano a culture indifferenziate e le impongono con mezzi sempre più illeciti e pericolosi, quale la modificazione genetica, ai popoli d'ogni luogo del mondo.

Su queste considerazioni si basa l'iniziativa proletaria per l'imposizione delle De.Co. (Denominazioni Comunali) che consentano ai nostri agricoltori, agli artigiani e ai consumatori, un maggior benessere e la conseguente messa al bando delle multinazionali, dei supermercati e dei vari McDonalds.

Ciò comporta il ritorno ad una tavola proletaria, resa migliore dalla presa di coscienza del diritto individuale di mangiare e bere meglio, e quindi anche più sano.

Luigi Veronelli

Programma provvisorio e immaginario

Parte concreta (presso il Centro Sociale "La Paradisa")

10.00: Esposizioni e comunicazioni di produttori eno-gastronomici con assaggi: Il divin porcello, Grana di vacca rossa, lambrusco e aceto balsamico, gnocco fritto, erbe estinte ed erbazzone, liquori proletari

12.00: Considerazioni politiche della Resdora

Parte teorica (presso il Teatro Artigiano di Massenzatico)

15.00: convegno

Fiamma Chessa, La cucina di Aurelio
Alberto Ciampi, Il bicchiere ribelle
Giorgio Sacchetti, Il cibo e la lotta. Mense comuniste e rivendicazioni gastronomiche: il caso dei minatori del Valdarno
Luigi Veronelli, I vini della libertà
Federico Ferretti, La cucina sociale della Via Emilia
Guido Andrea Pautasso, La cucina dell'Avanguardia artistica e letteraria
Marco Rossi, L'alimentazione della Resistenza

Parte pratica

20.00: Veglionissimo rosso. Menù: antipasti, cappelletti in brodo e con scodella, bolliti, salse di campagna, torte, liquori proletari, lambrusco a sfare.

24.00: Chiusura del convegno sulle note dell'Internazionale.

Nell'era della globalizzazione anche e soprattutto alimentare, è necessario ritornare alla tavola proletaria – la dove il capitale è debole, vulnerabile e privo di fantasia – per restituire ai nostri cervelli quelle sostanze essenziali, troppo spesso sacrificate sull'altare del perbenismo e della concertazione alimentare.

Siamo consapevoli che su questo terreno lo scontro con le multinazionali dei cibi transgenici e plastificati sarà durissimo, ma siamo altrettanto convinti che questa battaglia si può vincere, a patto che si ritorni, tutti, alla cucina sociale. Una cucina legata al nostro ambiente, fatta con i prodotti della nostra terra, realizzata secondo l'antica tradizione eno-gastronomica della tavola proletaria, che non accetta imposizioni dal capitale alimentare. Di più: la nostra cucina, con il suo ricco apporto nutrizionale, è in grado di alimentare – come già ha dimostrato in passato – anche le generazioni presenti e future, a differenza delle mode alimentari imposte dalle multinazionali che notoriamente avvelenano, inquinano e saccheggiano.

Per tutto questo e molto di più, proponiamo questo primo incontro di riflessione tra tutti noi, costruito dal basso, completamente autogestito, liberamente organizzato, senza fini di lucro e senza rete, per trascorrere una giornata insieme mangiando, bevendo e discutendo... in attesa del sol dell'avvenir.

La cuoca rosso-nera

Il comitato promotore

Archivio Storico-Libreria della FAI reggiana, "A Rivista Anarchica", Associazione Aprile di Reggio Emilia, Associazione Giustizia e Libertà, Associazione Nazionale Socrate, Cooperativa La Collina, Cooperativa Mag 6, Federazione Anarchica Reggiana, FIAP - Federazione Italiana delle Associazioni Partigiane, Infoshop Mag 6,  Laboratorio Sociale AQ16, Partito dei Comunisti Italiani, Rifondazione Comunista, Spazio Sociale Kronstadt, Verdi Reggio Emilia

 
Licenza Creative Commons
Centro studi Le cucine del popolo by Centro studi Le cucine del popolo is licensed under a
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia License